Serie A, la moviola di Inter-Milan e delle altre gare dell’ottava giornata

Per il rigore su D’Ambrosio non serve il replay. Tagliavento, pur senza brillare, lo governa secondo il suo stile, il rigore è solare. In Cagliari-Genoa Massa salvato dal Var: sì era rigore. Ok Guida e Valeri in Bologna-Spal e Crotone-Torino

ROMA – Ecco i principali casi da moviola delle sfide della domenica dell’ottava giornata di Serie A.

INTER-MILAN – Un derby è sempre complicato da decriptare. Tagliavento, pur senza brillare, lo governa secondo il suo stile, il rigore è solare.

SENZA VAR – Partiamo dal penalty, netto: Rodriguez cintura e abbraccia D’Ambrosio e lo tira giù, Tagliavento fischia subito, con sicurezza, il penalty, il VAR (Orsato) controlla solo per il pro-forma, non ci sono dubbi (l’atteggiamento di Rodriguez vale più di mille VAR).

OCCHIO NUDO – Annullato, ancora, il gol dell’eventuale 1-1 a Musacchio: per vedere l’off side non serve replay, è talmente macroscopico il fuorigioco sul tiro di André Silva che colpisce il palo.

OCCHIO… DI FIORE – Molto bravo l’assistente numero uno, Di Fiore: perché sul gol di Suso, sulla traiettoria del pallone c’è Cutrone che si abbassa per lasciar passare il pallone ed è tenuto in gioco (non proprio di moltissimo) da Miranda. Lo stesso Di Fiore vede bene sul primo gol di Icardi (lo tiene in gioco Musacchio sul cross di Candreva) e sull’off side di Icardi ad inizio gara (millimetrico).

BEATA TECNOLOGIA – Ad onor del vero, il pallone che Handanovic di ributta in porta è entrato abbastanza nettamente. Ma la Gol Line Tech entra in gioco sul 2-2 rossonero, santificando la regolarità del gol. Bonaventura tira, il portiere nerazzurro salva proprio sulla linea, poi però, sulla carambola, fa… autogol.

DISCIPLINARE – C’è un errore nella gestione disciplinare di Tagliavento: l’ammonizione di Vecino (di per sé giusta) nasce però da un fallo di Biglia che ferma con il braccio destro largo un tentativo di sombrero di Borja Valero.

IRRATI
FIORENTINA-UDINESE 2-1
Dopo 20’, l’Udinese chiede un fallo di mano in area viola dell’ex Thereau, Irrati fa proseguire, nessuna chiamata del VAR. Giusto annullare la rete di Astori: off side sulla punizione battuta da Chiesa. Corretta chiamata del VAR sul gol annullata a De Paul: nello scambio con Maxi Lopez, quest’ultimo parte in off side. Ok la rete del 2-1: Samir in gioco sull’assist di De Paul.

GUIDA
BOLOGNA-SPAL 2-1
Bene Guida, il VAR conferma la decisione presa in campo nell’episodio Lazzari-Di Francesco: il pallone colpisce l’avversario sotto l’ascella, il braccio destro è molto largo e per questo rischia, ma non c’è rigore. Corretto annullare il gol di Paloschi: sull’assist di Mora, è nettamente oltre i difensori rossoblù.

MASSA
CAG LIARI-GENOA 2-3

C’è sempre qualcosa che sfugge a Massa, stavolta il VAR (Pairetto) ci mette una pezza. Partiamo da qui: pallone toccato da Laxalt, Veloso lo colpisce col braccio sinistro molto largo e che si muove verso il pallone. L’arbitro di Imperia non aveva dato nulla. Regolari le prime due reti del Genoa: in entrambi i casi coinvolto Galabinov, tenuto in gioco da Romagna sul lancio di Taarabt per l’1-0 e da Pisacane quando da il là all’azione dello 0-2.

VALERI
CROTONE-TORINO 2-2
Molto sereno Valeri, dirige bene e non fallisce. Simy fa fallo su N’Koulou, strattonandolo, non c’è bisogno del VAR per annullare. Grandissima parata di Cordaz sulla punizione di Ljajic: il pallone pizzica ancora la linea per millimetri, senza la GLT saremmo ancora qui a chiederci se il pallone fosse entrato o meno. Contatto Ajeti-Sadiq: ok far proseguire.

MARIANI
SAMPDORIA-ATALANTA 3-1

Partita senza patemi per Mariani, ci voleva dopo tanti episodi: ok l’1-1 di Quagliarella e il 3-1 di Linetty, entrambi serviti da Praet sempre in gioco.

MANGANIELLO
SASSUOLO-CHIEVO 0-0

Black out del VAR fino al 16’, non è comunque servito: ok annullare la rete di Cannavaro, sul tiro di Duncan il difensore è in off side. Falcinelli finisce giù, non sembra però toccato da Dainelli, va bene far proseguire. Mancano i gialli a Rigoni e Castro.